CHI SIAMO

Direzione artistica

CORRADO ACCORDINO
 

Nato a Monza, comincia a lavorare in ambito teatrale nel 1989. Si diploma all'Accademia dei Filodrammatici di Milano e nel 1998 diventa direttore artistico della compagnia La Danza Immobile. Come regista e drammaturgo, ha spesso rivolto la sua sensibilità artistica alla rielaborazione drammaturgica di testi classici e contemporanei.

Continua a leggere

STEFANO CORDELLA
 

Dopo la laurea magistrale in Psicologia, nel 2009 si diploma all'Accademia dei Filodrammatici di Milano.  Continua la sua formazione frequentando seminari con Declan Donnellan, Carmelo Rifici, Familie Floz, Alessandro Serra, Guillaume Leveque, Christian Bourgess, Julie Brochen, Lucia Calamaro.

Continua a leggere

Direzione organizzativa

COMPAGNIA TEATRO BINARIO 7

La compagnia Teatro Binario 7, nata nel 1992 col nome La Danza Immobile e diretta da Corrado Accordino, si occupa di produzione e diffusione teatrale.

 

Da oltre quindici anni produce spettacoli di prosa per adulti con un’attenzione particolare alla rielaborazione drammaturgica di testi classici o di letteratura contemporanea, ma anche a drammaturgie originali che indagano temi sensibili della nostra società. Tra gli autori di riferimento vi sono Fëdor Dostoevskij, Albert Camus, Amélie Nothomb, Ernest Hemingway, Raymond Carver, Gabriel García Márquez.

Accanto al lavoro di produzione teatrale, la compagnia gestisce il Teatro Binario 7 di Monza, anche sede operativa, il Teatro Libero di Milano, il Teatro comunale di Nova Milanese, la stagione di prosa di Palazzo Terragni a Lissone e quella del Comune di Agrate Brianza.

 

All'interno del polo culturale Binario 7 opera la Scuola di teatro Binario 7, in stretta e proficua sinergia progettuale con la compagnia.

BINARIO NOVA

c/o Teatro comunale

via Giovanni Giussani 9 / piazza Gio.I.A., 20834 Nova Milanese (MB)

039 2027002 | biglietteria@teatrobinarionova.com

  • Facebook

La Danza Immobile srl Impresa sociale ETS

Sede legale via Savona 10, Milano. PI 02237350968

© 2018 creato da Claudio Onofrietti