storia-amore-alberi.jpg

Storia d'amore e alberi

29 gennaio 2023

Età consigliata

dai 6 anni

Ora e giorno di spettacolo

domenica ore 16.00

Biglietti

intero € 8 | under 14 € 4

Una piccola donna dal passo da pinguino ed elmetto rosso entra in sala, si aggira nello spazio vuoto, senza sapere perché è lì e cosa deve fare.

 

È molto confusa, un po’ indispettita e soprattutto stracarica di oggetti che porta dentro a uno zaino più grande di lei, tenuto insieme da legacci e ricordi. Non abbastanza carica, porta con sé pure una vecchia valigia recuperata chissà dove. Ma chi è? 


È evidentemente emozionata: si ingarbuglia nei suoi ragionamenti, dialoga un po’ con i bambini e un po’ con un interlocutore immaginario non meglio identificato, eppure – quando parla – sa essere molto tenera, e ti vien voglia di ascoltarla, tanto sembra indifesa e bisognosa di aiuto.


Finalmente trova il coraggio di confessare le sue disavventure e come un fiume in piena racconta. Racconta di nuvole perdute, cieli e montagne, circhi, canarini, leoni e clown, ma soprattutto di un grande uomo, piccolo giardiniere di Dio, della sua poetica resistenza e della sua ostinata generosità: racconta di un uomo che piantava gli alberi. E dopo di lui, di una donna che indossava delle scarpe rosse molto belle ma troppo troppo troppo strette…

Storia d'amore e alberi è liberamente ispirata al romanzo di Jean Giono, L’uomo che piantava gli alberi, un piccolo libro del 1980 diventato nel tempo un racconto simbolo per la difesa della natura e l’impegno civile, un messaggio d’amore per l’albero e il suo valore universale.

Storia d'amore e alberi è in tournée da vent'anni con centinaia di repliche in tutta Italia, e ha provocato un fenomeno eccezionale di mini forestazione diffusa grazie all'opera di migliaia di bambini che sono stati coinvolti – grazie allo spettacolo – nel gioco più importante che possiamo immaginare: piantare alberi.

liberamente ispirato a
L'uomo che piantava gli alberi

di

Jean Giono


di

Francesco Niccolini
 

con

Simona Gambaro
 

regia

Francesco Niccolini

Luigi D'Elia
 

oggetti scenici

Luigi D’Elia

Simona Gambaro

luci

Luca Telleschi
 

musiche

Bevano Est

Antonio Catalano
 

produzione

INTI